mercoledì 4 gennaio 2012

Regia Aeronautica



Ufficiale specialità bombardamento 1923

Siamo agli inizi della Regia Aeronautica. Le uniformi vennero codificate dall’O.D. 4 del 1923.
L’ufficiale in fotografia è un tenente della specialità bombardieri, caratterizzata dal particolare fregio sulla controspallina.
Questo Ordinamento prevedeva fregi da controspalline diversi per specialità aeronautiche:
Arco con freccia, per la caccia, granata esplodente, per il bombardamento, due bandierine incrociate con, al centro, una fiaccola, per la ricognizione, due ancora messe obliquamente ai vertici della controspallina, per gli idrovolanti ed un dirigibile, per i dirigibilisti.
Il nostro tenente porta l’uniforme ordinaria, composta dal berretto in colore grigio-azzurro, con trofeo tipico della nuova Arma. Uniforme dello stesso colore. Camicia bianca e cravatta blu scuro (..stesso colore del vestito, ma più scuro..).
I distintivi di grado erano posti sul paramano.
Al petto porta il brevetto da pilota di 1° grado. Da qui si evince che non era un pilota militare e quindi, nell’interno della specialità (bombardamento) svolgeva altre funzioni.

Regia Aeronautica

Ufficiale specialità bombardamento 1923
Siamo agli inizi della Regia Aeronautica. Le uniformi vennero codificate dall’O.D. 4 del 1923.
L’ufficiale in fotografia è un tenente della specialità bombardieri, caratterizzata dal particolare fregio sulla controspallina.
Questo Ordinamento prevedeva fregi da controspalline diversi per specialità aeronautiche:
Arco con freccia, per la caccia, granata esplodente, per il bombardamento, due bandierine incrociate con, al centro, una fiaccola, per la ricognizione, due ancora messe obliquamente ai vertici della controspallina, per gli idrovolanti ed un dirigibile, per i dirigibilisti.
Il nostro tenente porta l’uniforme ordinaria, composta dal berretto in colore grigio-azzurro, con trofeo tipico della nuova Arma. Uniforme dello stesso colore. Camicia bianca e cravatta blu scuro (..stesso colore del vestito, ma più scuro..).
I distintivi di grado erano posti sul paramano.
Al petto porta il brevetto da pilota di 1° grado. Da qui si evince che non era un pilota militare e quindi, nell’interno della specialità (bombardamento) svolgeva altre funzioni.